martedì 1 marzo 2011

Stug III F Attack

 

Lo Stug III della Attack non è certo uno dei kit più dettagliati o più elaborati. Ad esempio, il freno di bocca non è neppur perforato ma è realizzato in un blocco solido. Tuttavia il modello è semplice da montare ed è molto robusto, per cui si presta bene come pezzo per i wargame.
A dire il vero, non è che sia stato un asso nel dipingere questo modello, ma stavo sperimentando alcune tecniche nuove per cui posso perdonarmi di non avere dato il massimo. L'importante è divertirsi, no?
Le linee grigie lungo gli spigoli sono decisamente troppo evidenti, e conferiscono un'aria un po' innaturale al modello. D'altro canto, questa era la prima volta che le utilizzavo, in precedenza usavo il pennello secco o comunque la tecnica delle sfumature di colore per esaltare le superfici in rilievo.
Devo dire che per le mimetizzazioni più complesse la tecnica del grigio funziona bene. Per gli altri casi, preferisco sempre le tecniche precedenti.


This Stug III F from Attack is quite a simple kit, with few parts and not too detailed. For example, the muzzle brake is moulded as one piece with the barrel, and is solid. 
Anyway, I liked this kit, because is sturdy and simple and proved itself a great wargame piece.
While painting it, I experimented with the "light gray technique" to make the raised parts stand off. 
I was too entusiast with that, and now the kit has quite an unnatural look. Well, mistakes mean experience, right? 
In the end, I came out to like the technique, and now I use it quite often, expecially for camouflaged vehicles. For veichles which are not camouflaged I still prefer to paint lighter tones over the base ones (sometimes doing some drybrushing).

Nessun commento:

Posta un commento